Il tuo amore mio

Alcune poesie in lingua italiana e in dialetto romagnolo
tratte dal libro “Il tuo amore mio” – Prefazione di Gianfranco Lauretano
Raffaelli Editore, Rimini, 2019.

LA RACCOLTA IN ITALIANO HA IL TITOLO “IL TUO AMORE MIO”

Al battito del sole:
i sassi tutti rari.

La notte è qui. La stessa.

La stella è nata ieri.

Anima –
bussola, timone della nave
ansia sfinita, chiodo nel mare
appuntamento da cancellare
se volo, inutile. Parola-chiave.

Giocoforza
che non ci entro nella tua presenza,
che non ci esco dalla tua assenza.

Mi sono messo a vivere.

Ti amo senza me.

Le volte che sto per ucciderti
ho la priorità di rivederti.

LA RACCOLTA IN DIALETTO ROMAGNOLO HA IL TITOLO “GRATIS”

Gìnz la buàza
la s ciàpa. E a la fàza
dla zénta, alè in piàza,
a s masém int un bàr.
Zà che la guàza
la t bàgna e’ foulard.

Poco fa la debolezza/ci ha preso. E alla faccia/della gente, lì in piazza,/
ci nascondiamo in un bar./Già che la rugiada/ti bagna il foulard.

Nanéina
nanòuna

e’ dorma
ènca e’ lop

ch’ l’à la pènza
zà péina

acsè
sòura i copp

la j è sultènta
la lòuna

nanéina
nanòuna.

Nannina/nannona//dorme/anche il lupo//che ha la pancia/già piena//
così/sopra i coppi//c’è soltanto/la luna//nannina/nannona.

Una vólta ’d fura
a l’ustari’
dri’ m’e’ fióum
una masa d’ómbri
al s’ chésca m’adòs
e a s’ truvém ma tèra
(ach sguilòun)
arni’.

Una volta fuori/dell’osteria/vicino al fiume/moltissime ombre/
ci cadono addosso/e ci troviamo a terra/(che scivolone)/infangati.

Incù a sèm andé trop in là s’agli idéi?
Nènca e’ témp ad fura l’è incòura acsé indicéis?
L’è finéi gnaquèl parchè a n’ò vést piò gnént?
I tu’ ócc i cambia. I cambia ad piò che de’ sòlit?
A sò’ tòurn indri’ una masa ’d vólti par nun truvè nisóun?

Oggi siamo andati troppo in là con le idee?/Anche il tempo fuori è ancora così indeciso?/È finito tutto perché non ho visto più niente?/I tuoi occhi cambiano. Cambiano più del solito?/Sono tornato indietro molte volte per non trovare nessuno?