Aprili

Alcune poesie in lingua italiana e in dialetto romagnolo
tratte dal libro “Aprili” – Società Editrice Il Ponte Vecchio, Cesena, 2001.

LA RACCOLTA IN ITALIANO HA IL TITOLO “APRILI”

Io sogno, e sogno
che il sogno si rompe
e mi alzo con te.

Quando ridondando le campane
suonavano (din don din dan) lontane
ahi! come abbuiava, riabbaiava il cane
a queste orecchie (a queste
orecchie) strane.

Salito
di un dito
a vedere
la notte
cadere.

Fiera cerca circo
circa Circo Orfei.
Fiero cerco fiore
circa fiore cuore.

LA RACCOLTA IN DIALETTO ROMAGNOLO HA IL TITOLO “IR”

D’invéran
e’ gat dri m’e’ fugh
l’è imazuchéi
che un sént
gnènca al gatózli.

D’inverno/il gatto vicino al fuoco/è confuso/che non sente/
nemmeno le gattucciole.

Ènca st’ cióud
i pèn
tla càsa
dòintra e’ témp
e’ pàsa.

Anche se chiudi/i vestiti/nella cassa/dentro il tempo/passa.

Quand ò dbóu
a sém in dóu.

Mè e clóu.

A bòi che’ bòi
ch’a n’avém dbóu.

Dopo che ho bevuto/siamo in due.//Io e quello.//
A bere quel vino/che non abbiam bevuto.

E’ pròim dé ’d scóla
a fasét agli asti, stórti,
e a gét qualca paróla s’e’ mi nòum.
E’ fóu un dé nir cumè e’ zinalòun.

Il primo giorno di scuola/feci le aste, storte,/e dissi qualche parola
con il mio nome./Fu un giorno nero come il grembiule.